3 Mag 2020

L’abitudine è il maggior nemico delle performance dei tuoi soldi

L’abitudine nella gestione dei propri risparmi.

 

Quando le feste si avvicinano radio e tv ci inondano di consigli su cosa mangiare per evitare di mettere su chili.

 

“Mangiare un po’ di verdura prima dei pasti per ridurre la fame.”

“Bere due bicchieri d’acqua per placare l’appetito.”

 

La verità però è che non c’è bisogno di tecniche, trucchi o segreti.

Se durante le feste metti su un paio di kg, nel giro di qualche giorno o settimana tornerai come prima senza dover di fare niente.

 

Il tuo stile di vita e le tue abitudini ti hanno portato al peso in cui ti trovi oggi, e sgarrare qualche giorno non farà la differenza.

Lo stesso succede al contrario, questo è il motivo principale per cui le diete “non funzionano”, o meglio, non sono durature.

 

Fare la dieta per un paio di settimane e continuare a mangiare come al solito per tutto il resto dell’anno è come andare in palestra per qualche giorno facendo tantissimi esercizi per poi non fare più nulla i restanti 360 giorni. Quali pensi siano i risultati?

 

Sgarrare ogni tanto non ha grosse conseguenze nel lungo periodo.

“Fare il bravo” ogni tanto non ha grosse conseguenze nel lungo periodo.

 

Lo stesso concetto si applica negli investimenti.

 

Gli investimenti che fai abitualmente, la tua routine, le tue abitudini, ti hanno portato qui oggi.

 

Se negli ultimi 10 anni i tuoi risparmi hanno reso poco o nulla pur essendo stata una decade tra le più prolifiche per i mercati finanziari, è improbabile che per i prossimi 10 anni potrai fare di più.

 

Così come il non cambiare il tuo regime alimentare ti manterrà dello stesso peso, continuare a gestire gli investimenti nel modo che hai sempre fatto non porterà nuovi risultati, rimarranno gli stessi soldi che hai ora!

 

Ma uscire dalla propria zona di comfort e iniziare a fare qualcosa che non abbiamo mai fatto è difficilissimo, il nostro io ci invierà decine di segnali di allarme, troverà scuse e imprevisti per non farlo!

 

La prima scusa è: non ho guadagnato ma non ho perso. E su questo aspetto, ovvero sull’opportunità di investire a lungo termine per raccogliere semplicemente i frutti che il mercato ci regala gratuitamente ho già scritto decine di articoli.

 

Oggi voglio solo farti riflettere sull’importanza delle tue abitudini….se negli ultimi 10 anni hai pagato il 4% all’anno di commissioni sui tuoi investimenti, allora QUASI LA META’ DEL TUO CAPITALE è stato assorbito dalla tua banca.

Continuare per altri 10 anni ad investire nello stesso modo (INDIPENDENTEMENTE DA COME ANDRANNO I MERCATI),  ti ritroverai con il 40% di capitale in meno rispetto a ciò che avresti potuto avere.

 

L’abitudine è quella pigrizia con cui stai regalando il tuo futuro ai bilanci delle banche, ai loro amministratori delegati e ai loro azionisti.

 

L’abitudine è il principale alleato della tua banca che tanto sa perfettamente che per un cliente che si lamenta e che è disposto a cambiare banca ce ne sono migliaia che non cambieranno mai.

 

L’abitudine è il principale alleato della banca soprattutto con i clienti più facoltosi, che sono anche le persone non più giovanissime e meno inclini al cambiamento.

 

L’abitudine è il principale alleato della banca anche in termini di burocrazia, infatti la tua banca preferisce perdere un proprio cliente a cui aveva in passato concesso un mutuo, piuttosto che abbassare il tasso a tutti i clienti rendendo di fatto impossibile la surroga da parte di un nuovo Istituto di credito. La stessa banca che poi fa offerte aggressive ai clienti della concorrenza per acquisire un nuovo cliente (alla fine un cliente lo acquisisce, uno lo perde ed è pari e patta), ma il grosso dei correntisti continua a pagare commissioni al di sopra delle attuali condizioni di mercato.

 

E allora cambia abitudine sui tuoi soldi, inizia a cambiare stile di investimento, non una dieta temporanea, ma un portafoglio duraturo e ed efficiente partendo proprio dalla dieta delle commissioni.

E Pensa che con gli strumenti e la tecnologia attuale, per investire in maniera efficiente, non serve nemmeno cambiare banca.

 

E allora non hai più scuse per cambiare le tue abitudini d’investimento.

Ultimi articoli finanziari

Coronavirus e i mercati finanziari, che fare?

Il Coronavirus è solo l’ultimo evento che crea grandi timori sui mercati, ma come sono andate le cose durante la Leggi tutto

Prevedere quale mercato salirà è impossibile

Investire non significa "prevedere cosa salirà". Lo studio della tabella sull'indice di borsa tedesco, dimostra come le previsioni degli analisti Leggi tutto

Cannabis, un nuovo ETF incentrato sulle azioni della marijuana

Un nuovo ETF incentrato sulle azioni della marijuana prevede di abbattere i concorrenti quando debutterà fra pochi giorni. Con un Leggi tutto

Al via il BTP Futura, conviene? Dipende

  Tra il 6 e il 10 luglio parte la nuova emissione del titolo di stato per finanziare le spese Leggi tutto

FONDITALIA CORE 2 R costi elevati e performance deludenti

5% di RENDIMENTO ALL'ANNO X 5 ANNI Sarebbe di per se un eccezionale risultato se un portafoglio titoli bilanciato avesse un Leggi tutto

Polizza Generali Premium opinioni e caratteristiche

“Con la polizza GENERALI PREMIUM puoi costruire un piano di accumulo flessibile e versatile” dichiarano sul sito delle assicurazioni Generali. Leggi tutto

Decalogo Antifrode Finanziaria

Ha fatto parecchio rumore la notizia dei 30 milioni persi da Antonio Conte per mano di un sedicente consulente finanziario, Leggi tutto

PREVISIONI FINANZIARIE 2020? MEGLIO PARTIRE DALLE REGOLE PER INVESTIRE BENE!
PREVISIONI FINANZIARIE 2020? MEGLIO PARTIRE DALLE REGOLE PER INVESTIRE BENE!

  20 regole per i mercati e gli investimenti DI CHARLIE BILELLO Direttore ricerca di Pension Partners società di consulenza Leggi tutto

Fondi di fondi, il consiglio dell’oste e il suo buon vino

Caro cliente se mi paghi una lauta consulenza finanziaria ti costruisco un portafoglio con i migliori fondi… Quali sono? I Leggi tutto

EUFORIA = massimo rischio DEPRESSIONE = massima opportunità

EUFORIA= massimo rischio  DEPRESSIONE=massima opportunità   OTTIMISMO - Tutto inizia con un'intuizione o una prospettiva positiva che ci porta ad Leggi tutto

Banche, dal 2008 hanno aumentato le commissioni dell’80%

L'indice FTSE MIB ad oggi quota circa gli stessi valori di 10 anni fa, mentre l'indice delle banche italiane si Leggi tutto

Quotazione dell’oro -25% da 7 anni

Quotazione dell’oro -25% da 7 anni. Alcune considerazioni: L’oro è il bene rifugio per eccellenza e non subirà mai fallimenti Leggi tutto

Paolo Savona presidente CONSOB dichiara di essere cliente di un consulente finanziario autonomo

Paolo Savona (Cagliari, 6 ottobre 1936) è un economista, politico e accademico italiano, è stato Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato dal 29 aprile 1993 al 19 aprile 1994, Ministro per gli affari europei dal Leggi tutto

Il crollo del mercato azionario del 19 ottobre 1987

Prima del 19 ottobre 1987, poche persone credevano che fosse possibile un calo del mercato azionario americano del 10% in Leggi tutto

Quale orizzonte temporale per il mercato azionario?

Perchè 10 anni NON BASTANO (per investimenti che prevedano l'azionario - in percentuali congrue oltre il 30%)Il bull market dell'S&P più Leggi tutto

RICHIEDI UNA CONSULENZA A UNO DEI PRINCIPALI STUDI INDIPENDENTI ASSOCIATI NAFOP IN ITALIA

Range patrimonio finanziario

Privacy Policy