27 Ott 2021

Oro, Bitcoin e Contango. Rischi e opportunità

Per mesi è stato questo il dilemma degli investitori. Ci si è chiesto se non fosse il caso di aumentare l’esposizione in oro sui portafogli, per “proteggersi dal rischio inflazione”. Sappiamo che l’oro assolve a questa funzione nel tempo, di riserva di valore, soprattutto in periodi caratterizzati da aumenti dei prezzi. Parcheggiare liquidità in oro consentirebbe, infatti, di evitare l’erosione del valore della moneta causata dall’inflazione, nella speranza che il prezzo dell’oro, in quanto asset reale, segua l’aumento dei prezzi e si apprezzi esso stesso.

L’acquisto di oro diventa poi più appetibile quanto più i rendimenti reali tendono ad essere negativi. E questo è il caso attuale in cui la differenza tra il rendimento del treasury e l’inflazione attesa o attuale, da’, in entrambi i casi, un numero negativo che spinge a preferire l’oro alla detenzione del cash. Detto in altro modo, in presenza di rendimenti reali negativi, il costo opportunità di detenere un asset class che non produce interessi, come l’oro, è un costo negativo dato che in questo caso consente di non “pagare” interessi reali negativi.

La funzione dell’oro come “divisa rifugio” in tempi di inflazione ha perso di efficacia con l’introduzione del bitcoin. Aspetto interessante di questa asset class è il suo appeal speculativo a sua volta alimentato dai rendimenti elevatissimi che ha offerto in questi ultimi anni. Chi ha avuto i nervi saldi da tenere le posizioni anche in presenza di ribassi del 50% alla fine e’ stato ripagato.

Come ogni asset class, il prezzo del bitcoin e’ legato a logiche di domanda e di offerta. Il prezzo aumenta se aumenta la domanda e scende se aumenta l’offerta o se si riduce la domanda potenziale. E così, ad esempio, il ban adottato sul mercato Cinese ha provocato non pochi sell off mentre la recente accettazione del Bitcoin in Russia ha messo le ali a questa critpo.

Ma ci sono poi le logiche dei mercati finanziari, legate alla domanda e all’offerta da parte degli operatori finanziari. E queste dinamiche non possono non essere considerate. E’ recente la notizia dell’approvazione da parte della SEC dell’ETF sul Bitcoin. Tale ETF avrà come sottostante i futures sui Bitcoin  e non il bitcoin.

Quello che sta accadendo sul mercato è che, in vista dell’introduzione sul mercato dell’ETF, molti operatori stiano comprando il futures sul Bitcoin. Stando alle prime stime, i flussi che tale strumento potrebbe attrarre ammonterebbero a 30-50 miliardi di USD. Una cifra non banale per un ETF appena nato.

E tali flussi, se dovessero effettivamente convogliare sul mercato, porterebbero a due effetti:

  • L’aumento del prezzo del future sul bitcoin
  • L’aumento dello spread tra il prezzo del bitcoin ed il prezzo del future sul bitcoin. Aumenterebbe la c.d. “base”.

Mentre il primo effetto lo analizzeremo tra qualche settimana, possiamo già analizzare il secondo effetto. Ciò che sta accadendo sul mercato del bitcoin è l’ampiamento del c.d. contango, vale a dire del premio con cui i futures trattano sul cash. La base, cioè, la differenza tra il prezzo del bitcoin ed il prezzo del relativo futures si sta ampliando sempre di più offrendo delle ottime opportunità di arbitraggio.

Infatti, chi ha la possibilità di operare in entrambi i mercati potrebbe approfittare di tale asimmetria di prezzo e comprare il bitcoin vendendo simultaneamente il future. A scadenza, per definizione, i due prezzi tenderanno ad allinearsi, consentendo all’arbitraggista di incassare a rischio zero, la differenza dei due prezzi. Queste forme di arbitraggio sono ancora attuabili a causa della scarsa presenza di investitori professionali sul mercato del bitcoin e offrono importanti occasioni di trading per i trader retail piu’ esperti.

In conclusione, senza complicarsi troppo la vita, vale sempre la pena proteggere il portafoglio con oro fisico o con ETF a replica fisica e nel caso del bitcoin sarebbe da preferire l’investimento in società che sviluppano le blockchain e che hanno a bilancio i bitcoin in modo da una parte aumentare la diversificazione e dall’altra evitare l’effetto contango.

Neanche a ripeterlo che all’interno di un portafoglio ben costruito le quantità devono essere a netto favore dell’oro e a scapito del bitcoin!

 

Ultimi articoli finanziari

inverse correlation
Gli investitori retail e il gioco della patata bollente

Ma che fine hanno fatto gli investitori retail? Non se ne parla più. Sono stati delle meteore del mercato azionario Leggi tutto

Intervista a Maximiliano Travagli del 22 giugno 2023 a Radio 24 su eurovita

Intervista a Maximiliano Travagli a Radio24 – Il Sole 24 Ore, ospite di Debora Rosciani e Mauro Meazza alla trasmissione Leggi tutto

L’importanza della proposta del NASDAQ sulle diversità di genere e minoranze per le aziende quotate

Il Nasdaq ha presentato una proposta per la diversità di genere che prevede che le società quotate debbano avere in Leggi tutto

Accedere ai fondi delle classi istituzionali (o quasi) da oggi si può!

Fondi retail alle condizioni dei fondi di categoria istituzionale Alzi la mano chi non ha mai chiesto alla propria banca Leggi tutto

INTERVISTA SU RADIO24 A MAXIMILIANO TRAVAGLI DEL 21 SETTEMBRE 2023

Gli ospiti di oggi a Due di Denari di Debora Rosciani e Mauro Meazza a Radio 24, Donatella Principe, Director Leggi tutto

Quando nemmeno l’ETF protegge dal rischio specifico

I seguaci degli ETF, coloro che li amano alla follia e li reputano uno strumento finanziario efficiente, sostengono che la Leggi tutto

Avere un bravo gestore del risparmio non basta

La domanda è, se un investitore affida i suoi risparmi ad un bravo gestore, ha la certezza che nel futuro Leggi tutto

Investimento immobiliare, il caro mutui ha ridotto la finanziabilità del 33%

Le prospettive per il mercato immobiliare non sono certo rosee e ciò è dovuto alla minore capacità degli italiani ad Leggi tutto

Considerazioni di fine anno 2022

Questo 2022 è stato molto impegnativo. Erano decenni che bond ed azioni non si muovevano “all’unisono” in questo modo. Io Leggi tutto

consulenti finanziari a provvigione arriva il divieto dalla UE

Entro un paio di mesi la commissaria Ue per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’unione dei mercati dei Leggi tutto

etf cosa ne pensano i gestori europei
ETF, cosa ne pensano i gestori europei delle principali società di asset management?

“We are not worried at all”   E’ sostanzialmente unanime la risposta che hanno dato i gestori europei alla domanda Leggi tutto

Le tre principali minacce ai portafogli di investimento

Il conflitto di interessi delle banche, l'inefficienza fiscale degli investimenti e le elevate commissioni rappresentano tre importanti sfide per i Leggi tutto

20 anni di mercati finanziari, rendimenti e volatilità dal 2001 al 2020

La tabella rappresenta come sono andati 14 mercati anno per anno per 20 anni consecutivi, come si può vedere ogni Leggi tutto

Crolla la credibilità delle banche nei confronti dei clienti

Polizze vita vendute a risparmiatori ultra settantenni con la scusa dell’esenzione dalle tasse di successione, fondi della casa piazzati senza Leggi tutto

BTP VALORE EMISSIONE GIUGNO 2023

Si tratta di un titolo a tasso fisso STEP UP di durata 4 anni, che prevede per i primi due Leggi tutto

RICHIEDI UNA CONSULENZA A UNO DEI PRINCIPALI STUDI INDIPENDENTI ASSOCIATI NAFOP IN ITALIA

Range patrimonio finanziario

Privacy Policy