26 Gen 2020

Mifid 2, persa un occasione per aumentare la trasparenza della consulenza finanziaria

Appena un anno dopo l’applicazione della direttiva europea, le norme sulla trasparenza dei costi sono già in discussione, a vantaggio come al solito del settore finanziario. Perchè non ha funzionato con Mifid II?

Le banche credono che l’opacità paghi più della trasparenza! Soprattutto quando si tratta di un servizio difficile da definire come consulenza finanziaria che viceversa si dovrebbe basare essenzialmente sulla fiducia dei risparmiatori

Certamente, un anno dopo l’implementazione dello standard, l’industria finanziaria viene messa in discussione e si rende necessario modificare quelle regole con cui in particolare richiedono agli intermediari di comunicare l’impatto dei costi sui risparmi a loro affidati.

L’obiettivo di Mifid era, tra le altre cose, consolidare il rapporto di fiducia tra industria e clienti, agendo sulla trasparenza per incoraggiare la crescita dell’educazione finanziaria per gli italiani, che è così drammaticamente bassa. Per redigere un bilancio dell’operazione “Mifid II”, è possibile incrociare tre statistiche.

La prima riguarda il periodo in cui la documentazione è stata inviata al cliente con la rappresentazione dei costi e dei rendimenti: in quasi tre casi su quattro le lettere sono state ricevute a luglio e agosto, giusto in tempo per recuperare le perdite accusate nell’anno precedente: una decisione che i leader delle reti hanno preso con l’obiettivo di evitare la diffusione di cattive notizie tra i risparmiatori. Comprensibile per coloro che devono pagare un dividendo ai loro azionisti; ma in palese conflitto con gli obiettivi di Mifid2.

La seconda riguarda la lunghezza della documentazione per i clienti: parte dalle due ma in molti casi supera le 20 pagine, in alcuni casi supera le 35: ciò spiega esplicitamente i diversi modi in cui le reti hanno interpretato il dettato Mifid II. Va notato che in questi documenti non c’era sempre un’abbondanza di parole come costi e commissioni; le reti hanno cercato di declinare l’obiettivo dello standard in due modi diversi: migliorando la completezza di tutti i dati o facendo prevalere la sintesi.

La terza statistica riguarda la redditività delle reti di consulenti, che in realtà è cresciuta nell’ultimo anno soprattutto per i soggetti con le dimensioni più significative. Per le reti di agenzie bancarie, tuttavia, le regole Mifid2 sembrano aver scoraggiato il posizionamento dei risparmi gestiti, in calo dell’1%. Per avere il proverbiale test dei nove sarà necessario attendere le comunicazioni relative al 2019, al fine di aggiornare le classifiche e tracciare nuove e più complete speranze di trasparenza.

Un argomento che verrà trattato dalla Consob, la commissione di vigilanza del settore. Curiosamente, il suo presidente molto tempo fa ha dichiarato di essere un fedele cliente di consulenza indipendente, in concorrenza con il modello di business dell’offerta fuori sede.

Ultimi articoli finanziari

Banche: la trasparenza questa sconosciuta

Banche: la trasparenza questa sconosciuta La gran parte delle banche se ne è inventata di tutti i colori per non Leggi tutto

Milena Gabanelli e il servizio sui consulenti finanziari

Non si placano le polemiche dopo il servizio sul corriere della sera di Milena Gabanelli sul ruolo dei consulenti finanziari Leggi tutto

I Fondi Flessibili non difendono e non rendono

I fondi flessibili sono quei prodotti finanziari che grazie alla libertà di movimento lasciata al gestore possono passare dal detenere Leggi tutto

Le COMMODITIES in portafoglio

Le COMMODITIES in portafoglio Investire è un « fatto tecnico » che cozza contro il normale pensiero lineare devastato dai Leggi tutto

Mutui al tasso 0,49% mai così convenienti ma attenzione ai costi assicurativi

I mutui battono un nuovo record storico di convenienza con tassi addirittura sotto al mezzo punto percentuale per i variabili Leggi tutto

Deutsche Bank campagna porta i tuoi investimenti e fai +1%, caratteristiche e opinioni

In questo primo periodo dell'anno il gruppo Deutsche Bank ha lanciato una campagna pubblicitaria che prevede un premio a tutti Leggi tutto

Anima Geo Europa A – IT0001095469 OPINIONI

Anima Geo Europa Gli anima GEO sono fondi molto cari e quindi che privilegiano gli interessi della banca rispetto a Leggi tutto

I Buoni Postali sono convenienti o meglio un BTP?

I Buoni Postali sono sottoscrivibili in ogni ufficio postale e sono garantiti dallo Stato Italiano. Senza entrare nel merito del Leggi tutto

BG Selection T-Cube AX un affare per la banca e per il cliente?

Anche in Banca Generali con le sue SICAV non si fanno mancare nulla. Infatti nel caso del fondo BG Selection Leggi tutto

ETF quando la banca si arrampica sugli specchi

La normativa MIFID 2 impone a tutte le banche di esporre con chiarezza tutti i costi ex ante di qualsiasi Leggi tutto

La Consulenza Finanziaria Online

La Consulenza Finanziaria Online è l’evoluzione della consulenza a casa o in filiale Da sempre la consulenza finanziaria si è Leggi tutto

Uniucredit tassi negativi sui conti ma le alternative possono essere anche peggio

Se ne è parlato tanto e alla fine ci siamo. In italia si è sempre detto che mai sarebbe accaduta Leggi tutto

Le fee di Azimut investimenti, nel secondo trimestre il più grande spettacolo dopo il Big Bang

Sembra calzare a pennello il titolo della canzone di Jovanotti dopo la pubblicazione dei risultati di incasso delle performance fee Leggi tutto

Polizza Generali Premium opinioni e caratteristiche

“Con la polizza GENERALI PREMIUM puoi costruire un piano di accumulo flessibile e versatile” dichiarano sul sito delle assicurazioni Generali. Leggi tutto

COVID-19 è un “CIGNO NERO”?

COVID-19 è un "CIGNO NERO"? Il matematico di oggi è Nassim Nicholas Taleb (classe 1960), nonché filosofo e saggista libanese Leggi tutto

RICHIEDI UNA CONSULENZA A UNO DEI PRINCIPALI STUDI INDIPENDENTI ASSOCIATI NAFOP IN ITALIA

Range patrimonio finanziario

Privacy Policy