21 Ott 2020

Real Estate, il nuovo fondo immobiliare di Generali al via

Il progetto è stato tenuto nel cassetto per un anno, ma nell’ultimo periodo c’è stata un’accelerazione sull’avvio del fondo immobiliare che concentra le proprie attività sugli immobili adibiti ad uso ufficio. A far maturare le condizioni e a creare questa opportunità di investimento è stata la pandemia che sta facendo cambiare modalità di utilizzo degli spazi commerciali, dicono i responsabili del Leone di Trieste. L’obiettivo del fondo è di arrivare ad una dimensione di circa 2 miliardi di euro, ma parte sin da subito con una dotazione di 200 milioni grazie all’apporto anche di immobili propri. La redditività si dovrebbe attestare intorno al 7/8%, dicono. Devo dire la verità, questa operazione non mi convince e spiego perché:

  1. Attualmente moltissimi lavoratori sono in smart working e la volontà del governo è di raggiungere almeno il 75% di lavoro a distanza non solo nel settore pubblico ma anche nel privato per contenere la pandemia.
  2. Lo smart working a mio avviso è un processo almeno in parte irreversibile, che lascerà vuoti ulteriori spazi commerciali.
  3. Le aziende hanno capito che è meglio far lavorare le persone da casa anche se potenzialmente in una fase iniziale potrebbero essere meno produttive. Questo perché garantire una postazione lavorativa in un ufficio nelle grandi città ha un costo medio mensile di logistica intorno ai 1000 euro a persona. Un risparmio certo per le imprese che compensa ampiamente l’eventuale minore produttività del lavoratore.
  4. Con lo smart working Il lavoratore potrebbe accettare un emolumento inferiore in quanto non deve sostenere i costi di trasferimento casa ufficio, oltre a guadagnare tempo libero.
  5. Basta guardare gli uffici delle grandi città per vedere cartelli affittasi in ogni dove
  6. Molte analisi di mercato indicano come la prossima crisi finanziaria possa venire proprio dal settore immobiliare commerciale. Le norme antiinquinamento sempre più stringenti, i grandi centri commerciali che hanno cannibalizzato molte aree delle città metropolitane, le nuove attività di distribuzione come Amazon, le produzioni industriali delocalizzate all’estero con aree e capannoni deserti. Il tutto accelerato da una tecnologia sempre più in grado di azzerare le distanze come le videoconferenze o i sistemi di controllo delle attività produttive e l’industria 4.0.

Gli investimenti non sono una scommessa sulla differenza di prezzo di un titolo a breve termine, ma soprattutto una partecipazione di lungo periodo. Riflettere se detenere questi asset per la rivalutazione del proprio patrimonio con uno sguardo 2-5- 10 -20 anni è la principale riflessione che bisogna fare. Chi è andato presso gli uffici di Google a Milano rimane meravigliato di come un colosso del genere abbia solo un ufficio che gestisce tutta Italia, mentre facebook non sappiamo dove sia. Ritornando all’articolo si legge che è previsto un apporto al fondo di diversi uffici di proprietà della compagnia, non è che in Generali siano consapevoli della situazione e si vogliano alleggerire di tali asset? A pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca diceva un famoso politico.   Foto del centro direzionale di Napoli

Altri articoli interessanti

Il crollo del mercato azionario del 19 ottobre 1987

Prima del 19 ottobre 1987, poche persone credevano che fosse possibile un calo del mercato azionario americano del 10% in Leggi tutto

Ascolta buoni consigli

Raccontami di me è il nuovo cortometraggio interpretato da Anna Foglietta e prodotto da Banca Mediolanum. Si tratta della nuova Leggi tutto

Il FTSE Russel’s Benchmark Bond Index inserisce nel proprio indice i bond cinesi

FTSE Russel’s Benchmark Bond Index è un benchmark prodotto dal London Stock exchange e in particolare i bond cinesi saranno Leggi tutto

Mutui al tasso 0,49% mai così convenienti ma attenzione ai costi assicurativi

I mutui battono un nuovo record storico di convenienza con tassi addirittura sotto al mezzo punto percentuale per i variabili Leggi tutto

Polizze vita multiramo, meglio perderle che trovarle

Il tasso di risparmio delle famiglie italiane è cresciuto dal 10% al 16% a causa del Covid. In parte è Leggi tutto

Con il trading online in CFD tre clienti su quattro perdono soldi

Premessa: Post breve Svolgimento: Come dice la pubblicità, BATTI IL FERRO FINCHE’ E’ CALDO. Tra le piattaforme più famose troviamo Leggi tutto

Le previsioni di borsa di agosto 2000 di Morgan Stanley sulle Torri Gemelle

Era fine agosto 2000, probabilmente il 30 agosto quando ho scattato questa foto dalla finestra dell’ultimo piano della torre sud. Leggi tutto

Al via i titoli di stato della Repubblica di San Marino

Dopo anni di tentativi è al via la prima emissione del Titano Bond. Una emissione per 300 milioni di euro. Leggi tutto

Decalogo Antifrode Finanziaria

Ha fatto parecchio rumore la notizia dei 30 milioni persi da Antonio Conte per mano di un sedicente consulente finanziario, Leggi tutto

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Privacy Policy

INVESTIMENTO MINIMO RICHIESTO € 250.000

INVESTIMENTO MINIMO RICHIESTO € 250.000