Prima del 19 ottobre 1987, poche persone credevano che fosse possibile un calo del mercato azionario americano del 10% in un giorno. L'ultima volta che è successo è stato il 29 ottobre 1929, il Martedì Nero, quasi sei decenni prima. 

Ovviamente, queste statistiche descrivono perfettamente i limiti della storia del mercato: possono ostacolare la nostra visione di ciò che è possibile. Chi si è svegliato quel lunedì mattina credendo che una perdita del 10% fosse impossibile al momento del suono dalla campana di chiusura a fine giornata è rimasto scioccato.

Il rapporto della SEC di quel giorno offre alcune informazioni sulla paura:

L'analisi del trading suggerisce che il declino iniziale che ha immediatamente preceduto la rottura del mercato del 19 ottobre è stato innescato dai cambiamenti nella percezione degli investitori in merito ai fondamentali degli investimenti e alle condizioni economiche. Con questi cambiamenti come "fattore scatenante", la vendita di azioni istituzionali è stato il più grande e principale fattore responsabile del calo iniziale di apertura il 19 ottobre. Infine, la vendita da panico di un'ampia gamma di azioni, causata dall'assenza di acquirenti, è stata  responsabile della caduta libera che ha caratterizzato l'ultima ora di negoziazione sul NYSE il 19 ottobre.

La giornata si è conclusa con una perdita del 22,6%.

L'incidente è stato inizialmente attribuito al trading dei programmi. "I computer lo hanno causato", hanno detto. In realtà, l'attività di trading del programma è stata una conseguenza del panico. Ma quando le cose vanno male, l'attenzione si concentra sul risultato immediato, non sulle scelte a lungo termine.

Seth Klarman ha spiegato perché la colpa ha mancato il bersaglio quel giorno:

Ogni volta che il mercato azionario subisce uno dei suoi crash o mini crash, inizia immediatamente la ricerca di una spiegazione. Tuttavia, il dito puntato ha una tendenza schiacciante a mancare il bersaglio. In parte, questo è dovuto al fatto che vengono date risposte alle domande sbagliate. Le persone che cercano risposte al motivo per cui il mercato è precipitato di solito sottolineano solo gli eventi immediati che hanno provocato un panic selling, quando in realtà questi eventi non sono che sintomi minori di problemi sottostanti molto più gravi.

Molti esperti hanno identificato il trading di programmi come una delle principali cause del crollo del mercato azionario di due anni fa e anche del panico di venerdì scorso. Sebbene sia vero che i titoli derivati ​​come le opzioni e i futures distolgono il capitale dagli investimenti reali, il program trading subisce un brutto e immeritato colpo all'indomani dei crolli del mercato. Il programma di trading è una tecnica di arbitraggio molto semplice in base alla quale i professionisti traggono vantaggio dalle discrepanze tra i prezzi delle azioni effettive ei prezzi dei futures delle azioni.

Un mese dopo l'incidente, Fortune ha pubblicato una storia in cui descriveva in dettaglio alcuni dei peggiori perdenti. I Waltons, Packard, Hewlett, Kroc, Busch, Gates, Buffett e altri hanno visto centinaia di milioni a miliardi di dollari cancellati dal loro patrimonio netto.

Sappiamo che Buffett non si è fatto prendere dal panico per quel colpo da $ 346 milioni. Invece, ha raccontato la storia di Ben Graham del signor Market  nella lettera annuale del Berkshire.

Il signor Market è un tipo maniaco depressivo che getta prezzi stravaganti per le azioni di un'azienda. Puoi ascoltare o puoi ignorarlo. Puoi seguire il suo esempio o approfittare della sua follia. È una vostra scelta.

L'allegoria di Mr.Market di Benjamin Graham.. può sembrare superata nel mondo degli investimenti di oggi, in cui la maggior parte dei professionisti e degli accademici parla di mercati efficienti, copertura dinamica e beta. Il loro interesse per tali questioni è comprensibile, poiché le tecniche avvolte nel mistero hanno chiaramente un valore per il fornitore di consulenza in materia di investimenti. Dopotutto, quale stregone ha mai raggiunto fama e fortuna semplicemente consigliando "Prendi due aspirine"?

Il valore dell'esoterismo del mercato per il consumatore della consulenza in materia di investimenti è una storia diversa. A mio parere, il successo degli investimenti non sarà prodotto da formule arcane, programmi per computer o segnali lampeggianti dall'andamento dei prezzi di azioni e mercati. Piuttosto un investitore avrà successo combinando un buon giudizio con la capacità di isolare i suoi pensieri e comportamenti dalle emozioni super contagiose che turbinano sul mercato. Nei miei sforzi per rimanere isolato, ho trovato molto utile tenere ben presente il concetto di Mr.Market di Ben ...
Molti commentatori tuttavia osservando gli eventi recenti, hanno tratto una conclusione errata: amano dire che il piccolo investitore non ha alcuna possibilità in un mercato attualmente dominato dal comportamento irregolare dei grandi. Questa conclusione è assolutamente sbagliata: tali mercati sono ideali per qualsiasi investitore, piccolo o grande, purché si attenga al suo lavoro di investimento. La volatilità causata dai gestori di denaro che speculano irrazionalmente con somme enormi offrirà al vero investitore maggiori possibilità di fare mosse di investimento intelligenti. Può essere ferito da tale volatilità solo se è costretto, da pressioni finanziarie o psicologiche, a vendere in momenti difficili.

Tuttavia Peter Lynch è stato colui che probabilmente ha riassunto meglio gli eventi del 1987. Dopo aver perso un terzo del Fondo Magellano in due giorni ha interrotto le sue ferie:

Beh, penso che la gente non avesse analizzato molto bene l'87. Bisogna metterlo in prospettiva. Nel 1982, il mercato sta a 777 punti e cresce continuamente fino all'86 raggiungendo il livello 1700 punti In quattro anni. Poi nei successivi nove mesi mette su altri mille punti. Quindi nell'agosto del 1987 sta a 2700. È salito di mille punti in nove mesi. Poi cade di mille punti in due mesi, 500 punti l'ultimo giorno. Quindi se il mercato fosse stato laterale intorno ai 1700, nessuno si sarebbe preoccupato, ma è salito di mille in nove-dieci mesi e poi di mille in due mesi, di cui la metà in un giorno solo, avresti detto…. "Il mondo è finito". Quindi era davvero una questione di mercato che continuava a salire sempre più ed è andato a un prezzo così incredibilmente alto, ma la gente dimentica che fondamentalmente è rimasto invariato nei 12 mesi. Se guardi al settembre 1986 all'ottobre '87, il mercato è rimasto invariato. Aveva mille punti in più e mille in meno e loro ricordano solo il ribasso. Tutti hanno pensato: “Oh mio Dio, questo è l'inferno. È tutto finito. Scenderà a 200 e vendo mele e matite”. Ma non lo era. È stato un fenomeno davvero unico perché le aziende stavano andando bene. Interpellando le aziende risposero: “Non possiamo capire cosa sta succedendo. Stiamo andando bene. I nostri ordini sono buoni. Il nostro bilancio è buono. " “Abbiamo appena annunciato che acquisteremo alcune delle nostre azioni.

Quindi, dal 1982 al 1986, il mercato è cresciuto di circa il 117%. Nel 1987, il mercato è aumentato del 44% da gennaio ad agosto. Poi è scivolato ... fino in fondo.

E sorprendendo tutti, ne sono certo, il 1987 ha chiuso l'anno positivo al 2%. In conclusione il mercato dell'87 non è andato da nessuna parte se lo guardiamo dall'inizio alla fine. Eppure nel mezzo è andato ovunque.

A pensarci bene, dopo 33 anni sembra il 2020!

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.